COLLEGAMENTO ALLA FACOLTA' DI SCIENZE POLITICHE COLLEGAMENTO ALL'UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE  - AMEDEO AVOGADRO

In seguito alla legge Gelmini, dal 01/01/2012 la Facoltà di Scienze Politiche è diventata parte del DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI (http://www.digspes.unipmn.it)
Stiamo provvedendo a trasferire i contenuti di questo sito su quello del Dipartimento.


L'OFFERTA FORMATIVA PER L'A.A. 2012/2013 SI TROVA SUL SITO DEL DIPARTIMENTO: http://www.digspes.unipmn.it/offerta_formativa.php

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI

Classe 99/S - Studi Europei

Sede didattica del Corso di Laurea: Alessandria

Coordinatore del Corso di Laurea: Prof. Joerg Luther

ULTIMI AVVISI





A) OBBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

Il biennio magistrale in Studi europei mira a formare figure professionali e intellettuali in grado di rispondere alle domande poste dalla sempre più rapida attuazione dell’Unione Europea. I laureati nei corsi di laurea magistrale della classe potranno esercitare funzioni di elevata responsabilità in imprese pubbliche e private, organizzazioni non governative, enti territoriali e funzionali, nonché presso gli uffici dell'Unione Europea.


Coloro che sono interessati ad operare in tale contesto dovranno pertanto:

  • Acquisire, oltre ad una solida formazione di base, conoscenze approfondite, di tipo giuridico, economico, politologico, sociale, storico e teorico idonee ad analizzare, interpretare, valutare e gestire la complessità dei vari ambiti e sistemi dell’Unione Europea;
  • Possedere conoscenze interdisciplinari per inserirsi nel mondo del lavoro in posizione di elevata responsabilità sia presso imprese e organizzazioni private, nazionali e multinazionali, sia presso amministrazioni, enti, organizzazioni nazionali e sovranazionali, operanti nel contesto dell’Unione Europea;
  • Possedere strumenti analitici, nozioni istituzionali e categorie culturali in una prospettiva comparativa, per relazionarsi con le molteplici dimensioni in cui si dispiega la realtà europea: dai fenomeni economici a quelli politici, dalle dinamiche sociali alle correnti culturali;
  • Acquisire specifiche competenze relative ai principi, alle normative e alle politiche di pari opportunità e di lotta alle discriminazioni;
  • Acquisire competenze elevate necessarie a formare personale con funzioni di alta responsabilità all’interno di organizzazioni pubbliche e private, attrezzato ad interagire con le istituzioni europee in ambiti transnazionali e a operare nei nuovi scenari di multilevel-government nell'Unione Europea;
  • Essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, due lingue dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

    Ai fini indicati il curriculum del corso di laurea specialistica:

  • Prevede possibili attività di studio presso università di altri paesi europei o presso istituzioni o imprese che svolgano attività precipua in ambito europeo;
  • Prevede, in relazione a specifici obiettivi di formazione professionale e di sbocchi occupazionali, attività esterne, quali tirocini e/o stages formativi, presso organizzazioni pubbliche e private operanti nell'Unione Europea oltre che presso istituzioni europee.


    I regolamenti didattici di ateneo determinano con riferimento all'articolo 5, comma 3, del decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, la frazione dell'impegno orario complessivo riservato allo studio o alle altre attività formative di tipo individuale in funzione degli obbiettivi specifici della formazione avanzata e dello svolgimento di attività formative ad elevato contenuto sperimentale o pratico.

    B) PIANO DI STUDIO

    Anno di corso Insegnamenti Crediti Crediti
    per anno
    I Diritto commerciale oppure Diritto del lavoro oppure Diritto tributario oppure Diritto Romano 9 64
    Politica costituzionale comparata 12
    Storia del pensiero politico europeo 1
    Storia dell'integrazione Europea 9
    Storia dell'Europa orientale 9
    Cultura europea 9
    Gender Studies 6
    Linguaggi politici moderni 9
    II Diritto amministrativo italiano e comparato 9 56
    Antropologia storica e culturale 6
    Geografia economico-politica 3
    Istituzioni politiche dell'Unione Europea 9
    Corso a scelta 6
    Ulteriori conoscenze linguistiche; abilità relazionali, tirocini e stages 5
    Tesi di laurea 18
    Totale crediti 120

    C) REQUISITI DI ACCESSO

    Al Corso di Laurea magistrale l’ammissione avviene secondo i seguenti criteri:

    1. avere almeno 126 CFU sulla base degli esami e delle altre attività sostenute nel Corso di Laurea (triennale o quadriennale), salvo deroga concessa dalla Commissione Didattica e sulla base di apposito esame di ammissione;
    2. aver conseguito il titolo di laurea (triennale o quadriennale) con una votazione non inferiore a 100/110, salvo deroga concessa dalla Commissione Didattica e sulla base di apposito esame di ammissione;
    3. ricevere una valutazione positiva della tesi di laurea o l’elaborato per la prova finale da parte della Commissione Didattica; la valutazione non terrà conto dei tempi di conseguimento del titolo di laurea (triennale o quadriennale)

    D) ISCRIZIONE SENZA DEBITI FORMATIVI

    I laureati presso il Corso di Laurea in Scienze politiche comparate e cultura europea (classe 15) sono iscritti senza debiti formativi.

    E)TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI PRESSO ALTRI ATENEI

    Sono ammessi al Corso di Laurea i laureati presso Atenei italiani e stranieri sulla base della valutazione della Commissione Didattica.

    F) ATTIVITA’ DI STUDIO E RICERCA PRESSO ALTRI ATENEI

    La Commissione Didattica valuta la congruenza delle attività di studio e ricerca svolte presso altre università italiane e straniere al fine del riconoscimento di CFU.

    G) PROPEDEUTICITA'

    Gli esami previsti al primo anno sono propedeutici alle attività formative del secondo anno, ad eccezione degli esami giuridici.

    H) PIANI DI STUDIO INDIVIDUALI

    Eventuali deroghe alle propedeuticità previste alla lettera e), nonché all’elenco delle Discipline di cui alla lettera a) saranno esaminate dalla Commissione didattica del Corso di Laurea.

    I) MODALITA' DIDATTICHE

    La didattica si svolge mediante lezioni frontali, seminari, tutoraggio e laboratori. Saranno possibili anche forme sperimentali di e-learning.

    L) CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PREPARAZIONE DEGLI STUDENTI

    La valutazione del rendimento degli studenti avviene attraverso esami orali, o prove scritte, anche in forma di elaborato o di test. Possono essere previste prove intermedie durante lo svolgimento delle attività didattiche ed esami finali. Gli esami relativi ai corsi danno luogo ad una votazione in trentesimi. Tirocini, stages e laboratori danno luogo ad una idoneità.

    M) FREQUENZA

    La Facoltà adotterà tutte le misure opportune per incentivare la frequenza alle lezioni e alle altre attività formative da parte degli studenti.

    N) PROVA FINALE

    La prova finale consiste in una tesi di laurea i cui contenuti e modalità devono essere concordati con un docente del Corso di Laurea. Il titolo della tesi, con la firma del Docente relatore, deve essere consegnato alla segreteria studenti almeno sei mesi prima della data di laurea.

    O) VOTO DI LAUREA

    La media di ammissione all’esame di laurea è calcolata sulla base dei voti in trentesimi ottenuti agli esami sostenuti durante la frequenza del corso di laurea magistrale. Il voto di laurea è calcolato in centodecimi; può prevedere anche la menzione o la dignità di stampa.

    P) CONFERIMENTO DEL TITOLO DI LAUREA MAGISTRALE

    Il titolo di laurea magistrale viene conferito al completamento dei 300 crediti previsti dal Regolamento Didattico del Corso di Laurea.

  • Studenti
    Matricole
    Erasmus [English]
      Docenti
    Personale TA
    Biblioteche
      IFTS
    Laureati e Diplomati
    Summer School
    Esami di Stato
     
    ULTIMO MINUTO