COLLEGAMENTO ALLA FACOLTA' DI SCIENZE POLITICHE COLLEGAMENTO ALL'UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE  - AMEDEO AVOGADRO

In seguito alla legge Gelmini, dal 01/01/2012 la Facoltà di Scienze Politiche è diventata parte del DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI (http://www.digspes.unipmn.it)
Stiamo provvedendo a trasferire i contenuti di questo sito su quello del Dipartimento.


L'OFFERTA FORMATIVA PER L'A.A. 2012/2013 SI TROVA SUL SITO DEL DIPARTIMENTO: http://www.digspes.unipmn.it/offerta_formativa.php


A.A. 2009/2010 --- Alessandria

Etica Pubblica


Codice GISS: NON COMUNICATO
Settore scientifico: sps/02
Il corso si tiene a l'indirizzo: Via Cavour 84, 15121 Alessandria
Titolare del corso:
Crediti: 9
Ore: 60
Semestre: 2
Organizzazione del corso: Lezioni, Esercitazioni, Seminari
Modalità di frequenza: Consigliata

[English] English Version

. Supporti alla didattica in uso alla docenza

Utilizzo di slides e di dispense

. Obiettivo del corso

Il corso si propone di introdurre gli studenti ad alcuni dei principali problemi connessi all'etica pubblica, a partire dalla definizione stessa di etica pubblica e dalla chiarificazione delle differenze concettuali tra etica privata, etica pubblica e diritto.
Il corso affronterà quattro argomenti: il rapporto tra etica ed economia; l'emergere del concetto di società civile e la distinzione tra pubblico e privato; la riflessione sulla giustizia, attraverso l'analisi delle principali concezioni di filosofia morale e politica normativa; infine, il dibattito sulla liceità della menzogna in ambito politico e alcuni dei principali problemi bioetici contemporanei (fine vita e diritto di morire, natura e limiti del diritto alla libertà procreativa, sperimentazione sugli embrioni, ingegneria genetica, clonazione).

. Competenze e conoscenze attese

Al termine del corso lo studente dovrebbe avere acquisito il linguaggio e i concetti base dell'etica pubblica, intesa come teoria normativa della politica e delle istituzioni. Inoltre, dovrebbe avere acquisito la consapevolezza dell'importanza dello sviluppo storico della disciplina, che nasce nel Settecento con l'emergere della società civile e la nascita dell'economia politica. Infine, dovrebbe avere acquisito gli strumenti concettuali per affrontare i principali problemi di etica pubblica alla luce delle più rilevanti teorie della giustizia.

. Programma del corso

Il corso è diviso in quattro parti.
1) Partendo dal paradosso mandevilliano "vizi privati, pubblici benefici" si affronterà la vasta e articolata riflessione sul rapporto tra etica ed economia che si sviluppa tra il XVIII e il XIX secolo, per giungere fino ai dibattiti novecenteschi sull'utilitarismo e al suo declino.
2) Si metterà in evidenza che la riflessione sull'etica pubblica nasce parallelamente all'emergere della società civile,alla nascita della sfera pubblica tra il XVIII e il XIX secolo e allo sviluppo dell'opinione pubblica.
3) La parte centrale del corso è invece dedicata all'analisi delle più rilevanti teorie della giustizia a partire da Platone fino a Rawls.
4) Uno spazio a parte sarà dedicato a un problema specifico, la riflessione sulla liceità o meno della menzogna in politica, attraverso l'analisi di due autori novecenteschi come Hannah Arendt e Leo Strauss.
Gli studenti saranno invitati a partecipare attivamente alle lezioni.

. Strumenti didattici

Video proiettore per la proiezioni di slides a supporto della lezione frontale

. Bibliografia - Testi d'esame

Il programma è il seguente:
1) Un testo a scelta tra:

a) C.A. Viano, Etica pubblica, Roma-Bari, Laterza, 2002 oppure
b) S. Veca, Filosofia politica, Roma-Bari, Laterza, 1998.


2) N. Bobbio, La grande dicotomia pubblico/privato e La società civile, in Id., Stato, governo e società, Torino, Einaudi, 1985, pp. 3-42; L. Dumont, Homo aequalis, Milano, Adelphi, 1977, pp. 55-133

3) V. Price, Opinione pubblica, Bologna, Il Mulino, 2004

4) M. Fioravanti, Costituzione, Bologna, Il Mulino, 1999 e alcune pagine, che verranno indicate durante il corso, di S. Veca e S. Maffettone (a cura di), L'idea di giustizia da Platone a Rawls, Roma-Bari, Laterza, 1997.

oppure
Alcune pagine che verranno indicate successivamente dei seguenti testi:

E. Lecaldano, Bioetica. Le scelte morali, Roma-Bari, Laterza, 2005.
A. Tagliapietra, Filosofia della bugia. Figure della menzogna nella storia del pensiero occidentale, Milano, Bruno Mondadori, 2001.

. Controllo dell'apprendimento

Gli studenti non frequentanti per la prova intermedia dovranno preparare i seguenti testi:
1) L. Dumont, Homo aequalis, Milano, Adelphi, 1977, pp. 55-133.

2) N. Bobbio, La grande dicotomia pubblico/privato e La società civile, in Id., Stato, governo e società, Torino, Einaudi, 1985, pp. 3-42.

3) V. Price, Opinione pubblica, Bologna, Il Mulino, 2004.

. Modalita' e descrizione della verifica

- Prove orali -

La verifica finale sarà orale. Verrà accertato che lo studente abbia acquisito il linguaggio, i concetti base dell'etica pubblica ele più significative teorie della giustizia.

Studenti
Matricole
Erasmus [English]
  Docenti
Personale TA
Biblioteche
  IFTS
Laureati e Diplomati
Summer School
Esami di Stato
 
ULTIMO MINUTO