COLLEGAMENTO ALLA FACOLTA' DI SCIENZE POLITICHE COLLEGAMENTO ALL'UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE  - AMEDEO AVOGADRO

In seguito alla legge Gelmini, dal 01/01/2012 la Facoltà di Scienze Politiche è diventata parte del DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI (http://www.digspes.unipmn.it)
Stiamo provvedendo a trasferire i contenuti di questo sito su quello del Dipartimento.


L'OFFERTA FORMATIVA PER L'A.A. 2012/2013 SI TROVA SUL SITO DEL DIPARTIMENTO: http://www.digspes.unipmn.it/offerta_formativa.php


A.A. 2009/2010 --- Alessandria

Teorie economiche della politica


Codice GISS: NON COMUNICATO
Settore scientifico: secs-p/02
Corsi di laureaIl corso si tiene a l'indirizzo: Via Cavour 84, 15121 Alessandria
Titolare del corso:
Crediti: 6
Ore: 30
Anno: 2
Semestre: 1
Organizzazione del corso: Lezioni
Modalità di frequenza: Consigliata

MATERIALE DIDATTICO: http://sp.dir.unipmn.it

[English] English Version

. Supporti alla didattica in uso alla docenza

niente di particolare

. Prerequisiti al corso

nessuno

. Obiettivo del corso

vedi sotto

. Competenze e conoscenze attese

conoscenza degli strumenti forniti nel corso

. Propedeuticita' del corso

nessun altro corso

. Programma del corso

Il corso riguarda alcuni argomenti che si collocano al confine fra la scienza della politica e l'economia, e più precisamente la teoria del conflitto e la teoria delle scelte politiche operata da attori razionali. Il primo argomento è oggetto della teoria dei giochi, e il secondo della teoria delle scelte collettive.
Il corso sarà quindi diviso in due parti. In realtà tre parti, perché alcune lezioni preliminari saranno dedicate alla teoria del comportamento razionale, vale a dire alla comprensione di cosa vuole dire usare l'approccio economico.
La teoria dei giochi studia le scelte di soggetti che agiscono in contesti strategici, cioè in una situazione in cui l'esito delle scelte che vengono effettuate dipende dalla scelta di altri soggetti. Si tratta quindi di un approccio particolarmente fecondo per studiare situazioni di conflitto o di cooperazione. L'esempio più noto è il dilemma del prigioniero, che probabilmente avete già incontrato in altri corsi.
La teoria delle scelte collettive riguarda appunto le scelte collettive. Si ha una scelta collettiva quando una decisione è il risultato della scelta di più soggetti. L'esito dipende non solo dalle preferenze dei soggetti, ma anche dalla regola di decisione.
Entrambe le parti saranno divise in due sottoparti, una relativa alla teoria e una relativa alle applicazioni. Le applicazioni di teoria dei giochi riguarderanno la discriminazione (etnica o di genere) e l'analisi specifica di alcuni casi di conflitto. Le applicazioni di scelte collettive riguarderanno i sistemi elettorali e alcuni casi specifici di scelte politiche. Si noti però che il corso è stato effettuato per la prima volta nel 2008-2009, quindi è ancora in fase di preparazione e sono possibili cambiamenti.
Il testo è costituito dalle dispense scritte dal docente. Queste non sono ancora (fine luglio 2009) pronte nella loro versione definitiva, ma saranno molto simili e in buona parte identiche a quelle del corso del 2008-2009, visibili sul sito di quel corso, e scaricabili.
Il corso non richiede nozioni metodologiche preliminari.

. Attivita' di supporto alla didattica

nessuna

. Strumenti didattici

niente di particolare

. Bibliografia - Testi d'esame

dispense

. Controllo dell'apprendimento

il corso è diviso in tre parti; alla fine di ciascuna si potrà dare un esame intermedio su di essa, ma se si preferisce si può dare l'esame su tutto il contenuto del corso alla fine del medesimo.

. Modalita' e descrizione della verifica

- Prove scritte -

se il numero di candidati è basso (diciamo inferiore a quattro) le prove saranno orali.

Studenti
Matricole
Erasmus [English]
  Docenti
Personale TA
Biblioteche
  IFTS
Laureati e Diplomati
Summer School
Esami di Stato
 
ULTIMO MINUTO