COLLEGAMENTO ALLA FACOLTA' DI SCIENZE POLITICHE COLLEGAMENTO ALL'UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE  - AMEDEO AVOGADRO

In seguito alla legge Gelmini, dal 01/01/2012 la Facoltà di Scienze Politiche è diventata parte del DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI (http://www.digspes.unipmn.it)
Stiamo provvedendo a trasferire i contenuti di questo sito su quello del Dipartimento.


L'OFFERTA FORMATIVA PER L'A.A. 2012/2013 SI TROVA SUL SITO DEL DIPARTIMENTO: http://www.digspes.unipmn.it/offerta_formativa.php


A.A. 2010/2011 --- Asti

Organizzazione dei servizi sociali (I modulo)

Modulo di: Organizzazione dei servizi sociali


Codice GISS: NON COMUNICATO
Settore scientifico: sps/09
Corso di laureaIl corso si tiene a l'indirizzo: Area Fabrizio De André, 14100 Asti
Titolare del corso:
Crediti: 6
Ore: 30
Anno: 2
Semestre: 1
Organizzazione del corso: Lezioni, Esercitazioni, Attivita' in laboratorio
Modalità di erogazione: Tradizionale
Modalità di frequenza: Consigliata

MATERIALE DIDATTICO: http://sp.dir.unipmn.it

[English] English Version

. Supporti alla didattica in uso alla docenza

lavagna luminosa, videoproiettore, dispense, testi

. Prerequisiti al corso

nessuno

. Obiettivo del corso

Fornire conoscenza per comprendere l'evoluzione delle pratiche organizzative e capacità di utilizzo di strumenti per la LETTURA, INTERPRETAZIONE, DIAGNOSI DEI FENOMENI ORGANIZZATIVI con particolare riguardo ai fenomeni che riguardano i Servizi Sociali.

. Competenze e conoscenze attese

Apprendimenti riferiti ai sillabi, ai principali modelli di decodifica delle organizzazioni, all'utilizzo di strumenti di rappresentazione e di diagnosi dei processi organizzativi

. Propedeuticita' del corso

Questo percorso è da ritenersi propedeutico e coordinato con programma e contenuti sviluppati dal Corso di Organizzazione dei Servizi Sociali II (modulo) da prevedersi in sequenza.

. Programma del corso

Richiami all'organizzazione come oggetto di analisi sociologica. Elementi di orientamento alla complessità sociale e alla complessità organizzativa, l'interazionismo simbolico, il cognitivismo, l'approccio fenomenologico –
l' etnometodologia - il costruttivismo.
Elementi di evoluzione dei principali modelli organizzativi e di progettazione organizzativa.
Orientamento all'analisi di organizzazioni complesse operanti in campo sociosanitario e ad un approccio sistemico che studia i bisogni riconosciuti e le soluzioni identificate, gli obiettivi e degli standard di accettabilità (il management dei servizi, la qualità), i fattori in entrata e in uscita, la discrepanza tra obiettivi/standars di accettabilità e fattori in uscita, la struttura formale di base, i meccanismi operativi, i comportamenti sociali di compensazione, i processi sociali.
Aspetti essenziali concernenti la comunicazione con i clienti interni ed esterni.

. Bibliografia - Testi d'esame

- G.Garena - S.Coraglia “Complessità-Organizzazione-Sistema", Maggioli ed, Rimini, 2008
- Dispensa integrativa fornita dal docente
- Stralci da testi: in part.
· Pignatto, C. Regazzo, Organizzazione e qualità nei servizi socio-sanitari, ed. Carocci, Roma, 2002;
· G.Bonazzi, Come studiare le organizzazioni,ed. Il Mulino, Bologna, 2002.
· S.Coraglia – G.Garena - "L'operatore Sociale. L'azione professionale tra complessità sociale e fenomeni organizzativi", Carocci ed., Roma 2003, cap. 10-11-12-13

. Modalita' e descrizione della verifica

- Prove scritte -

La prova finale, della durata di 90 min., consisterà in una verifica scritta degli apprendimenti connessi alle conoscenze e competenze attese. Gli studenti verranno forniti, al termine del Corso, di una batteria di diverse domande-situazioni. In sede di prova di esame, tra queste, ciascuno studente sorteggerà due domande-situazioni che costituiranno oggetto della prova stessa. Durante la prova non sarà possibile consultare testi o appunti.

Studenti
Matricole
Erasmus [English]
  Docenti
Personale TA
Biblioteche
  IFTS
Laureati e Diplomati
Summer School
Esami di Stato
 
ULTIMO MINUTO