COLLEGAMENTO ALLA FACOLTA' DI SCIENZE POLITICHE COLLEGAMENTO ALL'UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE  - AMEDEO AVOGADRO

In seguito alla legge Gelmini, dal 01/01/2012 la Facoltà di Scienze Politiche è diventata parte del DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA E SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI (http://www.digspes.unipmn.it)
Stiamo provvedendo a trasferire i contenuti di questo sito su quello del Dipartimento.


L'OFFERTA FORMATIVA PER L'A.A. 2012/2013 SI TROVA SUL SITO DEL DIPARTIMENTO: http://www.digspes.unipmn.it/offerta_formativa.php


A.A. 2011/2012 --- Asti

Teorie metodi tecniche del servizio sociale II


Codice GISS: NON COMUNICATO
Settore scientifico: sps/07
Corso di laureaIl corso si tiene a l'indirizzo: Area Fabrizio De André, 14100 Asti
Titolare del corso:
Crediti: 9
Ore: 60
Anno: 3
Semestre: 1
Organizzazione del corso: Lezioni, Esercitazioni
Modalità di erogazione: Tradizionale
Modalità di frequenza: Consigliata

MATERIALE DIDATTICO: https://sp.dir.unipmn.it/course/view.php?id=4

[English] English Version

. Supporti alla didattica in uso alla docenza

All'inizio del corso sarà somministrato un questionario di autovalutazione rispetto alle conoscenze in ingresso. La preparazione, sulla base degli studi degli anni precedenti, può essere effettuata ANCHE con riferimento a: Dal Pra Ponticelli, (a cura di), Dizionario di Servizio sociale, Carocci, Roma, 2005, relativamente alle voci: assistente sociale, servizio sociale, multidimensionalità, deontologia professionale, modelli di servizio sociale, principi di servizio sociale, metodo, qualità, colloquio.

. Prerequisiti al corso

Per poter sostenere l'esame finale lo studente deve aver sostenuto Principi e fondamenti del servizio sociale, Teorie Metodi e tecniche del Servizio Sociale (esame integrato composto da Teorie Metodi e tecniche del Servizio Sociale+ Sociologia del Territorio)ed aver svolto il tirocinio di 1° e di 2° anno.

. Obiettivo del corso

Il corso è centrato sui principali contenuti teorici e metodologici del lavoro sociale in prospettiva comunitaria. Gli aspetti teorici relativi alla pluridimensionalità dell'intervento professionale saranno declinati con particolare attenzione alla dimensione collettiva, alla dimensione progettuale e a quella promozionale del lavoro sociale.

. Competenze e conoscenze attese

Alla fine del corso lo studente saprà orientarsi tra i principali contributi teorici e metodologici relativi ai contenuti delle lezioni. Saprà impostare un lavoro di gruppo con utenti-cittadini sarà in grado difar parte di gruppi di lavoro. Avrà maturato un livello medio di conoscenza delle principali questioni inerenti la riflessione sul servizio sociale e la supervisione.

. Propedeuticita' del corso

nessun insegnamento

. Programma del corso

Il corso è articolato in tre unità di apprendimento che saranno sviluppate nelle varie lezioni.
1. LAVORO DI GRUPPO E CON I GRUPPI
Definizione, confini, comunicazione, clima, ruoli, leadership, processo decisionale.
Gruppi di lavoro, gruppi nel territorio, gruppi di auto-mutuo aiuto.
Strumenti e tecniche nel lavoro di gruppo.
2. LAVORARE NEL SERVIZIO E NEL TERRITORIO
Approcci teorici di networking e di lavoro nella comunità: uno sguardo all'elaborazione italiana di servizio sociale. Fondamenti teorici e implicazioni operative.
Il progetto e la rete: ruoli, funzioni, metodo, strumenti, negoziazione, valutazione.
3. PROCESSI DI RIELABORAZIONE DEL LAVORO SOCIALE .
La ricerca sulle pratiche professionali: processi di rielaborazione e di consolidamento.
Significato e funzioni delle pratiche riflessive e della supervisione nel servizio sociale.

. Attivita' di supporto alla didattica

sono previste esercitazioni e simulazioni in aula, eventualmente con l'aiuto di un tutor.

. Strumenti didattici

sito web del corso
filmati

. Bibliografia - Testi d'esame

1. E. Allegri, Supervisione e lavoro sociale, Carocci, Roma, 2000 (II°ed.) Capitoli 1 e 2. 2. Dal Pra Ponticelli (a cura di), Dizionario di Servizio sociale, Carocci, Roma, 2005, alcune voci: advocacy, assistente sociale, servizio sociale, multidimensionalità, deontologia professionale, modelli di servizio sociale, professioni sociali, qualità, auto-aiuto, cambiamento, comunità, empowerment sociale, intervento di rete, partecipazione, servizio sociale di comunità, servizio sociale di gruppo, supervisione, territorio. 3. Ferrario F., Il lavoro di rete nel Servizio sociale, Carocci, Roma, qualunque edizione, capp.4,5,6,7,8. 4. Martini R., Torti A., Fare lavoro di comunità, Carocci, Roma, 2003 o altre edizioni, capp. 1,2,3,5,6,9,10,11. 5. Heap K., La pratica del lavoro sociale con i gruppi, Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 1986. Capp: 1,2,3,4,10,11,12. 6) Allegri E.,Garena G., Il Servizio sociale alla prova del futuro, Rassegna di servizio sociale, EISS, ROma, n°2,2011 Ulteriori precisazioni sui testi d'esame saranno fornite dalla Docente durante il corso e saranno inserite sulla pagina web del corso, alla quale si raccomanda di fare costante riferimento.

. Controllo dell'apprendimento

All'inizio del corso sarà somministrato un questionario di autovalutazione rispetto alle conoscenze in ingresso. La prova intermedia, anche per gli studenti non frequentanti da questo anno accademico NON è più propedeutica al tirocinio di terzo anno,per accedere al quale è necessario aver sostenuto l'esame del corso. La prova intermedia consisterà in una prova scritta, e verterà sui temi affrontati nel corso.

. Modalita' e descrizione della verifica

- Prove scritte - Prove orali -

L'esame finale sarà svolto in forma orale e mirerà a valutare l'apprendimento e la capacità di effettuare collegamenti concettuali. Coloro che avranno sostenuto la prova intermedia con esito positivo prepareranno la restante parte del programma, coloro che non avranno superato la prova intermedia porteranno all'esame orale l'intero programma.

Studenti
Matricole
Erasmus [English]
  Docenti
Personale TA
Biblioteche
  IFTS
Laureati e Diplomati
Summer School
Esami di Stato
 
ULTIMO MINUTO